Engin Akyürek, uno degli attori più unici e speciali che abbiamo visto negli ultimi anni

L’eroe imperfetto – Mustafa Bulut / 1 parte

Il motivo per cui Akyürek ha realizzato solo sette serie in diciassette anni è stato spesso dibattuto. La risposta sta forse nelle scelte di vita che Akyürek sembra aver fatto fin dall’inizio, una delle quali è chiaramente una strategia ben congegnata per selezionare la qualità rispetto alla quantità. Per essere un giovane attore che affina le sue capacità, Akyürek non avrebbe potuto chiedere di essere in compagnia migliore di quando ha recitato nella serie di Meral Okay intitolata Bir Bulut Olsum (2009), prodotta da Tims Productions, diretta da Ulas Inan Inac e distribuita da Kanal D.

Meral Okay è nota per aver detto: “Voglio attirare l’attenzione sull’attore che ha creato questo magnifico personaggio che ha dato vita a Mustafa Bulut: Engin Akyürek e la sua interpretazione favolosa e senza pari.  È uno degli attori più unici e speciali che abbiamo visto negli ultimi anni. Lo vedremo in molti ruoli diversi e assisteremo al suo successo in futuro.” Il suo occhio esperto era stato rapido nel percepire la scintilla che aveva visto nel bel cast di attori per interpretare l’enigmatico Mustafa Bulut, e aveva predetto un grande futuro per Engin Akyürek. Con una colonna sonora inquietante di Aytekin Ataş, la serie era anche interpretata da Engin Altan Duzyantan nel ruolo di Serdar, nella serie drammatica di breve durata (29 episodi).

Oltre ad essere un’attiva socialista, sceneggiatrice, attrice, produttrice e regista, la stessa Meral Okay era una personalità enigmatica. Grande amica della diva turca Sezan Aksu, per la quale ha scritto diverse canzoni, è stata anche una co-scrittrice dello storico blockbuster turco Muhteşem Yüzyıl (IL  Secolo Magnifico ). Okay era molto rispettata nella sua professione e altrettanto apprezzata come una donna calda e sincera, a cui Akyürek si riferiva con grande affetto come “Meral Abla”, attrice e produttrice affermata.

Okay ha scritto il personaggio di Mustafa mantenendo in prima linea le sue preoccupazioni sul patriarcato, l’abuso di potere e la privazione dei diritti delle donne in paesi come il suo. Il risultante mix di tutte le questioni sollevate in una sceneggiatura bruciante è dimostrato al meglio nel personaggio di Mustafa. Il personaggio di Akyürek lo ha riportato di nuovo a Gaziantep per interpretare il potente  figlio maggiore del sindaco  Aslan Bulut.

Nei panni di Mustafa, Engin ha corso un grande rischio interpretando il ruolo di un ossessivo, viziato, epilettico follemente innamorato della sua prima cugina Narin interpretata da Melissa Sözen.

Non si può sottovalutare quanto sia insolito trovare attori che cercano di stabilire una reputazione di attore  svolgendo un ruolo negativo così presto nella loro carriera. I casting cinematografici e televisivi sono noti per timbrare un attore con una propensione per un ruolo particolare, lasciando alcuni attori molto bravi a svolgere un ruolo negativo o positivo per il resto della loro vita sullo schermo. Se c’è qualcosa che sappiamo su Engin Akyürek, tuttavia, è che non ha paura di sfidare se stesso. Akyürek ha fatto il grande passo e ha trasformato Mustafa in uno dei personaggi amorali più affascinanti che gli spettatori abbiano mai visto con una performance così delicatamente sfumata che ha vinto la simpatia del critico più irriducibile, girando completamente intorno al concetto popolare di ciò che qualifica un personaggio per essere chiamato un eroe.

Nel creare Mustafa, Akyürek lo ha investito di una ferocia  nascosta sotto un seducente atletismo mentre l’imponente e dalle spalle larghe Mustafa si faceva strada attraverso la vita come un bulldozer. Allo stesso tempo si beffa quanto si autocommisera alla prospettiva di un amore non corrisposto, Mustafa è pronto all’ira e apparentemente pieno di un’inspiegabile furia quando viene ostacolato.

Uno dei motivi per cui Okay aveva definito Akyürek unico era il modo in cui l’attore riusciva a sollecitare simpatia e comprensione per Mustafa, poiché la performance di Akyürek avrebbe potuto benissimo ritrarre il giovane Bulut come un pazzo sconsiderato, egocentrico, scatenato che si sarebbe abbassato a qualsiasi tattica per vincere.

Il personaggio di Okay è un uomo capace di sputtanare con freddezza il contrabbando di petrolio di suo padre, pianificare un lucroso accordo di acquisto di terreni o un rapimento, per non parlare di andare a letto con l’amante di suo padre quando è particolarmente arrabbiato con lui dopo un divorzio forzato. Akyürek aggiunge una dimensione completamente nuova al personaggio con cambiamenti di umore volubili trasmessi attraverso un restringimento degli occhi, un dito che agita mentre fa sembrare pericolose anche risate e amabilità  mentre tira le corde del cuore dello spettatore con improvvisi lampi di vulnerabilità e desiderio per la donna che ama. È una prestazione incredibile e forse la sua migliore fino ad oggi.

Uno dei più importanti attori di Hollywood durante gli anni ’60 era un attore dagli occhi azzurri d’acciaio di nome Paul Newman. Formatosi dalla mitica Stella Adler, l’Adone Newman perfezionò l’arte di far parlare gli occhi per lui ed era considerato uno degli attori più ricercati dell’epoca. Mostrando lo stesso silenzio meditabondo del giovane Marlon Brando che lo ha reso un rubacuori istantaneo, entrambi gli attori hanno perfezionato l’arte di apparire ingannevolmente calmi ma immensamente potenti e pericolosi allo stesso tempo. Akyürek appartiene alla stessa scuola di recitazione poiché trasuda una simile ferocia felina che sembra nascondersi appena sotto la superficie della sua pelle in attesa di esplodere in un’azione omicida. In nessun luogo questa qualità è più visibile che nel suo ritratto di Mustafa Bulut mentre si appollaia sul tetto della sua auto sotto la pioggia battente per vedere Narin che torna a casa attraverso i campi minati. Binocolo in mano, ringhia come un animale selvatico a Serdar che gli si avvicina per spostare la sua auto in modo che il traffico stradale possa continuare senza ostacoli.

La sceneggiatura di Okay ambienta l’azione della serie nel mezzo di un pericoloso terreno disseminato di campi minati che sono un costante promemoria della guerra e dei conflitti recenti. Ma, mentre il mondo esterno, civilizzato, è rappresentato dalla presenza di esperti cacciatori di mine delle agenzie delle Nazioni Unite e internazionali nella forma fisica di un medico urbano, istruito e sofisticato di nome Serdar, sono le mine incastonate nelle persone, sia uomini che donne, che sono molto più letali.

Bir Bulut Olsam è una serie molto più profonda dei triangoli amorosi che trasmettono costantemente sui canali TV mentre affronta la questione brutale dei diritti delle donne a capofitto attraverso i personaggi di Narin e la madre di Mustafa, Düriye. Mentre Narin desidera essere libera dall’ombra della famiglia Bulut dove è costretta a vivere con la madre storpia e il fratello minore, Mustafa la incatena ulteriormente sia fisicamente che emotivamente, con il peso di un matrimonio minorenne che rimane non consumato fino a quando non la rapisce e la violenta alla vigilia del suo matrimonio con un insegnante di scuola.

La mancanza di senso morale di Mustafa ha molto a che fare con i valori di suo padre Aslan Bulut poiché il sindaco è l’epitome di un despota corrotto e arrogante che detta le regole in base alle quali tutti possono vivere.

Lo spettatore attento può quindi capire che Bir Bulut Olsam riguarda tanto le relazioni padre/figlio quanto l’amore non corrisposto. L’intelligenza di Mustafa, nonostante le sue crisi epilettiche, è indiscutibile e l’effetto di vedere suo padre mentire, contrabbandare, persino tradire sua madre, lascia un segno indelebile nella sua vita adulta. Abbastanza intelligente da capire che la gente della città lo adora solo perché è il figlio del sindaco, emula inconsciamente il comportamento di suo padre.

Un’importante differenza tra padre e figlio diventa visibile con il trattamento di ogni uomo di Narin – dove Aslan può essere fisicamente offensivo nei confronti di sua nipote, Mustafa non può immaginare di ferire Narin, nonostante le sue stesse minacce. Eppure, tali sono le contraddizioni del personaggio che questo stesso uomo infatuato d’amore spara deliberatamente a Narin alla vigilia del suo matrimonio con la nipote di sua madre Asye! Se questa non è una follia causata da una comprensione mal riposta della parola “amore”, cos’altro può essere? Il conseguente rimpianto, panico e terrore al pensiero della morte di Narin è illustrato dallo sguardo impazzito e dagli occhi spalancati di Akyürek mentre vede il corpo insanguinato di Narin curato da Serdar. Coprendo istintivamente il suo corpo dallo sguardo indiscreto dello sconosciuto, Mustafa trasforma l’intero incidente in un’ulteriore esperienza da incubo con la minaccia di farsi esplodere il cervello mentre Serdar lotta per salvare la vita di una ragazza sotto il raggio dei fari dell’auto.

Sarebbe una semplificazione eccessiva dire che Mustafa e Serdar rappresentano il male e il bene poiché ciò ridurrebbe la credibilità di entrambi i personaggi ma è certamente un duello tra due visioni della vita opposte tanto quanto lo è tra due attori molto bravi.

Continua…

Scritto da Navid Shazhad e tradotto da Wiki Giusy

3 Replies to “Engin Akyürek, uno degli attori più unici e speciali che abbiamo visto negli ultimi anni”

  1. Sui temi affrontati : l’ambientazione della storia, le mine, la condizione femminile e sulla bravura indiscutibile di Engin, non mi soffermo (giudizi più autorevoli del mio sono già stati espressi) …però una cosa mi colpisce : il CORAGGIO. Ecco, penso che la parola sia il comune denominatore dei protagonisti di questa meravigliosa serie:
    In primis della scrittrice/sceneggiatrice Meral Okay , che scommette su una storia difficile e ostica- un pugno nello stomaco. Coraggio di un Engin alle prime armi, ma con una tale personalità , da affrontare un ruolo scomodo e controverso , come il più navigato degli attori. E che dire del coraggio di una giovanissima Melisa Sözen, nella serie Narin, l’ossessione di Mustafa’: una donna dimessa , mortificata nell’aspetto e nello spirito…di una bellezza sfiorita -un ruolo che poteva stigmatizzarla e cristallizzarla tra “quelle insignificanti” o comunque poco avvenenti.
    Sono stati grandi, con i cosiddetti attributi.
    ***
    Grazie per la traduzione di questa analisi che ancora una volta mi ha portato nel mondo artistico di Engin Akyürek 🙏
    .

    Piace a 2 people

  2. Una bellissima analisi di Navid Shazhad che la bravissima Giusy Traina ha tradotto per noi. Engin Akyürek e stato in questo primo ruolo da protagonista talmente bravo da farci avere una visione diversa di Mustafa Bulut Una sfida quella di Engin vinta alla grande ,lui ha reso questo pesonaggio ,
    affascinante carismatico e straordinario .Solo un grande attore come lui sceglie i suoi ruoli e cura ogni minimo dettaglio con grande
    attenzione e riesce a rendere tutti i suoi personaggi indimenticabili Grazie .

    Piace a 3 people

  3. Grazie per questa stupenda recensione di Navid Shazhad che ancora una volta ci introduce con il suo linguaggio poetico ad una disamina approfondita di un personaggio controverso e problematico come Mustafà Bulut che solo la recitazione magica e le formidabili capacità artistiche di un giovane Engin ha saputo farci amare. Un grande merito di Meral Okay, che purtroppo non c’è più, per aver ideato questa serie ed aver con lungimiranza creduto ed investito il lui!

    Piace a 5 people

Rispondi a Ale Sandra Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: