Sancar Efe, amore filiale e lealtà

Sefirin Kızı è molto più di un’epica storia d’amore in quanto affronta temi quotidiani con cui lo spettatore può facilmente riferirsi, come amicizia, amore tra fratelli, matriarcato, famiglia, onore e lealtà intrecciati in una narrativa che esplora la complessità dell’amore nelle sue molteplici forme. Analizziamo innanzitutto l’amore filiale, poiché la famiglia è al centro dell’ambiente socioculturale del popolo turco. La serie presenta ai suoi spettatori varie famiglie: Efeoğlu, Işıklı, Çelebi e tre orfani, vale a dire: Elvan, Kavruk e l’antagonista Akin. Nessuna delle due famiglie è completa nel senso che ognuna è guidata da un singolo genitore: matriarcato nel caso di Efeoğlu e Işıklı, mentre i Çelebi sono rappresentati solo da un severo patriarca. Anche se un’altra famiglia “minore” si aggrappa alla periferia di quelle “più anziane”, è guidata da una sola madre, quella di Menekşe. 

Ciò che tutti hanno in comune è l’enfasi che pongono sul valore di namus (onore) indipendentemente dallo status sociale a cui appartiene la famiglia. Questa paura di come il pubblico percepirà la posizione della rispettiva famiglia è ciò che spinge inesorabilmente la tragedia. Güven Çelebi e Halise Efeoğlu sono i principali colpevoli in questo senso, ma per ragioni molto diverse. Sancar è abbastanza attento da commentare la somiglianza tra i due dopo la débâcle del misterioso fidanzamento di Kavruk, con l’orrore di sua madre. C’è una lunga reciproca animosità tra i due anziani, e Halise si riferisce spesso al padre di Nare come “l’infedele”, un mistero che deve ancora essere chiarito. Nel caso dell’ambasciatore (interpretato da Erdal Küçükkömürcü) sono la sua arroganza, innegabile arroganza, senso di privilegio e dipendenza dal gioco d’azzardo che lo portano a detestare il “villico” quando si riferisce con disprezzo a Sancar. La paura di perdere la faccia non gli impedisce di creare scompiglio nella vita della sua unica figlia quando cerca il suo santuario dopo il suo orribile stupro. Un uomo sprezzantemente debole che appassisce sotto pressione, Çelebi sceglie di proteggere il proprio “buon nome” e salva l’uomo che risolve i suoi debiti invece della propria figlia, ordinando a Nare di sposare il suo stupratore per mettere a tacere lo scandalo. Çelebi interpreta una figura davvero deplorevole come padre, rappresentante di alto livello del suo paese, cavaliere e anziano. Il suo comportamento successivo continua a sostenere la nostra visione di lui come un individuo parassita che si nutre degli altri per le sue ragioni egoistiche. Halise, interpretato da un’aristocratica Konca Cilasun, presenta una recitazione impressionante ed è una donna arrogante. Una vedova imperiosa e testarda i cui ricordi di un’infanzia povera e un matrimonio ugualmente miserabile la perseguitano ancora. Assume il controllo della vita dei suoi figli come se non fossero in grado di farcela da soli. Sancar è l’unico dei suoi tre figli che non è stata in grado di “domare”, in parte perché è sempre stato un bambino introverso, è sempre stato un bambino solo e indipendente. Di tutti i suoi fratelli, è l’unico che ha il coraggio di affrontare sua madre. Ciò non significa che la ami meno (forse più di quanto lei stessa si renda conto), rispetto agli altri due, ma che la sua bussola morale punti a un insieme di regole diverse dalle sue. Soprattutto, è un uomo gentile e sincero, nonostante la sua propensione a diffidare di tutti e ad agire incautamente quando è arrabbiato. Halise può essere incessantemente egoista quando la situazione lo richiede ed è qui che Sancar fallisce. Nel tentativo di “proteggere” il nome e lo stato della sua famiglia, dopo che Sancar la rende padrona del palazzo in cui una volta serviva come cameriera, Halise si sente erroneamente straordinariamente autorizzata e abusa della sua posizione per organizzare i matrimoni dei suoi due figli su sua insistenza. Il fatto che scelga entrambe le ragazze in base al modo in cui le può “addestrare” a diventare cloni virtuali di se stessa, dice in modo voluminoso del suo orgoglio sfrenato di affermarsi come modello da seguire. Tale arroganza non arriva senza risultati tragici. Il suo controllo imperioso sulle nuore e le sue frasi offensive e spesso crudeli a Elvan per l’assenza di figli, la sua intromissione infinita e intrigante nella vita coniugale di Sancar, la segnano più come un toporagno che come una figura d’amore materno. In un’atmosfera così soffocante, sono i più deboli a soffrire e il figlio più giovane, Yahya, interpretato in modo convincente da Doğukan Polat, è quello che soffre di più poiché gli manca la fiducia e la forza di Sancar, né mostra più sensibilità. Sancar, in quanto capo della famiglia Efeoğlu, ha una grande statura, Yahya non può liberarsi del mantello del fratello “ragazzo”. Anche il matrimonio precoce di Yahya con una ragazza forte scuote ancora di più la sua fiducia, così come il fatto che la coppia rimanga senza figli, sottintendendo sottilmente che Yahya è ancora un ragazzo. La sua successiva richiesta di non essere a conoscenza degli affari privati ​​di suo fratello maggiore equivale a un ragazzo che fa le bizze, mentre la mancanza di informazioni su questioni commerciali lo irrita ulteriormente. Di conseguenza, nel tentativo di essere “il suo stesso uomo”, entra in una sfortunata e sconsiderata alleanza con sua madre, disperata quando teme di perdere la sua posizione sociale dopo il suo fallito complotto contro Nare. Halise è al primo posto quando si tratta di sgattaiolare fuori da situazioni imbarazzanti, lasciando Menekşe come unica responsabile dopo che il piano comune di diffamazione di Nare fallisce di nuovo. Ma il suo peggior fallimento è non impedire a Yahya di cacciare Elvan fuori di casa per aver dato prove contro sua madre in tribunale. Piuttosto che essere orgogliosa del coraggio di sua nuora, sceglie di allearsi con lo sfacciato Yahya punendo Elvan per il suo cosiddetto “tradimento”. La deliziosa interpretazione di Hivda Zizan Alp, mascherando una donna amorevole e premurosa sotto la copertura di una voce falsamente stridente e commenti insipidi, è accattivante mentre il suo personaggio si allea con Nare contro la matriarca Efeoğlu, che ironicamente agisce come il suo peggior nemico. Iniziamo a vederla per quello che è veramente. Halise continua a svolgere il ruolo di una donna dura, egoista, egocentrica la cui paura di perdere la sua ricchezza e il suo status sociale acquisiti ha più valore della giustizia, della verità e della compassione, o persino della felicità dei suoi figli. Non possiamo fare a meno di essere inorriditi dal modo crudele con cui tratta Kavruk per il coraggio di provare sentimenti per Zehra. Ricattandolo, cade ancora di più ai nostri occhi mentre speriamo che si comporti con un po’ di compassione verso un uomo la cui famiglia ha servito altruisticamente la famiglia Efeoğlu per generazioni. Al contrario, Sancar tratta Kavruk con grande comprensione, dicendo che avrebbe benedetto l’unione se Zehra lo avesse amato . Questa è la differenza fondamentale tra madre e figlio: Halise è riluttante a perdere la sua posizione sociale ed è inorridita dalla prospettiva di sposare la sua unica figlia con un “servitore”, come dice lei, per il divertimento di Menekşe. Tuttavia, Sancar non ha mai dimenticato le sue radici e le differenze sociali gli sembrano inutili. Non ha mai dimenticato cosa significhi essere poveri, né è disposto per un momento a lasciar andare il suo amore e il rispetto per Kavruk. Halise continua i suoi modi imperiosi mentre annuncia senza tante cerimonie a una miserabile Menekşe che deve essere pronta a divorziare da Sancar dopo che il suo tentativo di diffamare Nare fallisce. Si è rapidamente allontanata dall’atto per paura dell’ira di Sancar e ha lavorato ancora più duramente per impressionare lo spettatore con la sua capacità di cambiare atteggiamento mentre accoglie Nare al fidanzamento di Kavruk. Il suo atteggiamento è una grande sorpresa per Sancar in particolare, poiché si è sempre comportata in modo spiacevole nei confronti di Nare, sputandogli veleno e imbarazzandola in ogni occasione nonostante gli avvertimenti di suo figlio. Il merito va a Nare, che non attua mai rappresaglie della stessa misura. Tuttavia, a differenza di Çelebi, Halise ha un vero debole per Melek, che ha amato da quando ha saputo che è la figlia di Sancar. Questa è forse la sua unica caratteristica redentrice per il presente. Per quanto riguarda la madre di Menekşe, Ateke, meno si dice, meglio è. Una vedova avida e tipica che salta davanti all’opportunità di stringere un’alleanza con la famiglia più importante della regione, Ateke è uno stereotipo di un villico non istruita con la sua lingua tagliente e la sua propensione alla cospirazione per eliminare le minacce percepite al grande futuro di sua figlia. Menekşe (Tülin Yazkan),  la graziosa bambina dagli occhi grigi che Halise sceglie per suo figlio, sembra esperta in recitazione teatrale. Con sua suocera, è la sposa sempre ubbidiente che la aspetta e ne segue le istruzioni alla lettera. È abbastanza intelligente da capire fin dall’inizio che tenere sua suocera vicina a lei come alleata è la migliore politica per garantire il suo posto in famiglia, oltre a riconoscere la debolezza di Halise per l’adulazione che lei sfrutta al meglio, giocando con la vanità della donna anziana in ogni occasione. Svolge il suo ruolo così bene che pochissime persone sono in grado di percepire che l’atto apparentemente docile e con gli occhi aperti della ragazza è semplicemente una copertura per una donna ferocemente ambiziosa che sogna di diventare la futura padrona della dimora di Efeoğlu.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: