Engin Akyürek – Greta Garbo: due icone a confronto

Chi è Engin Akyürek? Seconda parte dell’articolo di Navid Shazad che prova a riscostruire l’identità di Engin attraverso ciò che sappiamo di lui.

Sfidando anche i più abili tentativi da parte dei media e dei social di scoprire la combinazione vincente che aprirà il mistero infallibile  dell’uomo chiamato Engin Akyürek, la presente serie di saggi è solo un tentativo di conoscere  l’attore e l’uomo attraverso le sue rappresentazioni cinematografiche e televisive utilizzando indizi dai suoi sforzi letterari e quel poco che si può raccogliere dalle sue opere filantropiche.

Tanto per cominciare, il mistero come qualità non è esclusivo delle arti, ma è ambito anche da coloro che potrebbero non essere sotto i riflettori. Per quanto riguarda le enormi e intriganti personalità legate alle arti performative, forse non c’è figura più intrigante di quella dell’icona cinematografica svedese-americana Greta Garbo, che all’apice della sua carriera decise improvvisamente di ‘scomparire’ tanto che l’espressione ‘Garbo-like’ evoca un’immagine di misteriosa reticenza e ritiro dagli occhi del pubblico.

A prima vista, il confronto tra una famosa attrice svedese-americana del XX secolo e un rubacuori televisivo e cinematografico turco del XXI secolo può sembrare strano. Ad un’analisi più attenta, tuttavia, nonostante le ovvie disparità di genere, demografia e tempo, sembrano esserci molte somiglianze tra i due. Il terreno comune è ovvio. Sono le tecniche di recitazione adottate dall’attrice nota al pubblico semplicemente come “Garbo” per le sue rappresentazioni malinconiche di personaggi tragici e la superba e impareggiabile capacità di Akyürek di emozionare con le sue espressioni facciali.

La Garbo ha iniziato la sua carriera nell’era del cinema muto, quando la minima espressione facciale doveva trasmettere molto più di qualsiasi dialogo scritto. Transitando con successo dall’era del muto ai film “parlanti”, Garbo è stata classificata al quinto posto dall’American Film Institute, nella sua lista delle più grandi star femminili del cinema classico di Hollywood nel 1999, e il suo primo film sonoro, Anna Christie (1930) è stato pubblicizzato con lo slogan “La Garbo parla!”. Ritiratasi dai film all’età di 36 anni dopo aver recitato in 28 film e aver ottenuto un’enorme fama e tre nomination all’Oscar, Garbo è stata descritta come una timida sognatrice ad occhi aperti durante l’infanzia, che non amava la scuola e preferiva giocare da sola. La bambina si è interessata al teatro in tenera età, dirigendo i suoi amici in giochi e spettacoli di fantasia e sognava di diventare un’attrice che l’ha portata a partecipare al teatro amatoriale, insieme a frequenti visite al teatro Sodra nel quartiere Mosebacke della sua nativa Svezia.

Cresciuto ad Ankara, il quartiere tradizionale di Akyürek ha permesso ai bambini di giocare a biglie, costruire pupazzi di neve in inverno, fare amicizia con gli stravaganti mentre erano intimiditi da strane vecchiette che infestavano i vicoli. I ricordi di Ankara hanno influenzato così tanto la psiche del ragazzo che da adulto ha riconquistato il rapimento degli anni innocenti in storie semplicemente raccontate che toccano il cuore. L’adolescenza è stata semplicemente catturata nelle amicizie fatte, la timidezza del primo amore e i ricordi cristallizzati nella prosa contemporanea che è potente ma allo stesso tempo delicata. Da giovane appena uscito dall’università, Akyürek è salito a bordo di un treno per Istanbul portando il suo bagaglio pieno di sogni. Sognando di diventare un attore, il ragazzo alto e magro ha partecipato alla competizione televisiva turca Türkiye’nin Yıldızları (Stelle di Turchia) in cui ha recitato, cantato, ballato e si è anche distinto nella commedia. Vincere la competizione ha aperto le porte all’outsider che non aveva un padrino su cui fare affidamento: solo un talento grezzo, un fuoco negli occhi e un sogno nel suo cuore. Interpretare un adorabile Kadir in una serie chiamata Yabanci Damat ha spianato la strada al suo primo ruolo cinematografico come Cevat in Kader (2006) del famoso regista Zeki Demirkubuz, che gli è valso il premio “Attore più promettente” e il resto, come si suol dire, è storia.

Possiamo quindi concludere che Akyürek crede in una forte etica del lavoro poiché si è fatto strada attraverso una perfetta combinazione di duro lavoro, enorme talento e un fermo impegno per ciò che il suo cuore gli ha detto di fare. Questo non è affatto un compito facile. Alcuni di noi si allontanano dai propri sogni al primo bivio, alcuni di noi perdono i propri sogni alla luce dura di un sole cocente, mentre la maggioranza non ha mai il coraggio di percorrere la strada che pochi scelgono. Mantenere la rotta richiede vera grinta, forza e coraggio con un po’ di fortuna in più, proprio come aggiungere una spolverata di cannella al caffè o cardamomo a una corposa tazza del çay preferito di Akyürek.

Proprio come Akyürek era salito su un treno per cercare fortuna, settantasette anni prima Garbo aveva fatto lo stesso.  Non  conoscendo nemmeno una parola di inglese, è venuta su richiesta della Metro Goldwyn Mayer Studio (MGM 1924), il cui slogan era quello di presentare “più stelle di quante ce ne siano in paradiso”. Incapace di parlare inglese, nel giro di sette anni la sua fenomenale presenza in film come Mata Hari e Grand Hotel ha fatto sì che diventassero i film con i guadagni più alti della MGM del 1931 e del 1932, rispettivamente. Garbo è stata soprannominata “la più grande macchina per fare soldi mai messa sullo schermo”.

Come se stesse replicando il successo della Garbo, Akyürek, insieme a un numero selezionato di attori/attrici turchi, è stato premiato con il titolo The Miracle Makers ai 44th Golden Butterfly Awards 2017,  in riconoscimento del suo contributo nel rendere i contenuti televisivi turchi il colosso globale che è oggi. Con la sua popolarità internazionale, che è aumentata vertiginosamente, qualsiasi serie con protagonista Akyürek oggi garantisce un profitto se venduta a livello internazionale, anche se, ironia della sorte, la serie potrebbe non essere andata bene in patria come Ölene Kadar che è andata in onda solo per tredici intensi episodi in patria, ma è stata esportata in 100 paesi fino ad oggi e continua ad affascinare il pubblico all’estero.

Mentre i film muti hanno spinto Garbo a capofitto verso la fama e la fortuna, Akyürek in quello che sembra un ritorno all’era del cinema muto sembra aver imparato l’abilità di esprimere emozioni senza voce da quell’era passata. Come celebrità globali e grandi produttori di denaro, sia Garbo che Akyürek hanno molto in comune, ma hanno anche i loro punti di partenza. Uno di questi risiede nell’evitare, da parte della Garbo, di partecipare alle riunioni sociali del settore, preferendo trascorrere il suo tempo da sola o con gli amici. L’attrice non ha mai firmato autografi o risposto alle lettere dei fan e raramente ha rilasciato interviste, né è mai apparsa alle cerimonie degli Oscar, anche quando è stata nominata ed è stata regolarmente descritta dalla stampa come la “Sfinge svedese”.

Sebbene Akyürek pratichi anche una simile reticenza per quanto riguarda l’invadenza dei media e si è rifiutato di avere una presenza personale sui social media per la parte migliore della sua carriera, è molto diverso da Garbo sotto questo aspetto. Nel corso degli anni è stato visto festeggiare il suo compleanno a Darüşşafaka, l’organizzazione benefica che sostiene con i proventi della vendita del suo libro Sessizlik, e lavorare instancabilmente per promuovere i suoi film non solo nel suo paese, ma anche in paesi lontani come l’Argentina e il Cile (2018). Con grande gioia dei suoi ammiratori, nel 2021 ha finalmente aperto il suo account Instagram personale, probabilmente come trampolino di lancio preliminare per il suo sostegno a Shell, in Turchia, che è seguito poco dopo. Per quanto riguarda la sua interazione con i suoi numerosi ammiratori, Akyürek, a differenza di Garbo in questo senso, è attento e apprezza i fan, con i quali appare affettuoso, invariabilmente gentile e caloroso. I visitatori sul set e i media allo stesso modo sono trattati come “amici” mentre posa per loro e fa persino selfie per loro mentre abbraccia i bambini a volte. Gli autografi sono anche occasioni in cui colpisce con un fascino naturale e il suo sorriso caratteristico. Il risultato di tali interazioni ha suscitato una duplice reazione: in primo luogo, un enorme interesse per l’apprendimento del turco e del turismo che invita i visitatori nei siti in cui ha girato alcune delle sue serie; in secondo luogo, il suo comportamento ha contribuito a creare un’immagine di Akyürek  come un essere umano gentile, modesto e affabile.

L’abituale reticenza di Garbo ha perpetuato il mistero e il misticismo che ha proiettato sia sullo schermo che nella vita reale, portando la MGM a capitalizzarlo alla fine mettendo in risalto l’immagine della donna silenziosa  solitaria e misteriosa. Ironia della sorte, nonostante i suoi strenui sforzi per evitare la pubblicità, Garbo è diventata una delle donne più pubblicizzate del ventesimo secolo. Proprio come Clark Gable è stato associato alla  scena finale di Via col vento con il suo “Francamente  me ne infischio”, Garbo è stata strettamente associata a una frase del Grand Hotel: “Voglio essere sola; voglio solo essere sola”,  che è diventata una delle 30 citazioni cinematografiche più memorabili di tutti i tempi dall’American Film Institute (2005).

Sebbene molto visibile in occasione di eventi pubblici come cerimonie di premiazione o durante le promozioni di un film, nonché eventi più intimi come i matrimoni – il più recente è stato quello del suo amico Ahmet Tansu Tasanlar, dove sembra essersi divertito molto a ballare tutta la notte, l’ormai nota abitudine di Akyürek di mantenere privata la propria vita personale non ha impedito la proliferazione di pagine FB dedicate a lui o al suo nome di primeggiare nei sondaggi pubblici in diverse categorie.

Scritto da Navid Shazhad – Tradotto da WikiGiusy

5 Replies to “Engin Akyürek – Greta Garbo: due icone a confronto”

  1. Grazie a Giusy per questo secondo e interessante articolo, mettendo a confronto una leggenda del cinema muto hollywoodiano come la Garbo e un virtuoso attore turco come Engin Akyürek che ha il dono della recitazione. Di questo straordinario e virtuoso attore è stato detto di tutto e di più .Io posso aggiungere solo delle parole dette dalla stessa Navid Shazade ” Date ad Aküyrek dei silenzi e ne trarrà una magia”

    Piace a 1 persona

  2. Entrambi hanno la recitazione nel volto. La Garbo visse il periodo del cinema muto e solo attraverso le espressioni facciali riuscì a colmare con grande bravura l’assenza delle parole. Engin ha un dono, ogni sua espressione avviene senza sforzo alcuno e rappresenta metà della sua recitazione. Il suo sguardo è veicolo di ogni tipo di emozione che avviene con naturalezza come se accadesse nella realtà. Riservati entrambi, caratteristica dei grandi artisti. Ma i tempi sono diversi, adeguarsi alla modernità è possibile senza perdere i propri valori e idee. I social se sapientamente usati fanno sentire l’artista/uomo più vicino al suo pubblico e acquista un significato di gratitudine ed amicizia verso il suo pubblico che ne riconosce il talento.

    Piace a 3 people

  3. Grazie! Non ci avevo mai pensato! Alla radice di entrambi c’è la scuola del teatro che è prima di tutto scuola di vita. Penso che se avessero vissuto negli stessi anni si sarebbero piaciuti e stimati reciprocamente. Entrambi sono accomunati da una concretezza che lascia poco spazio a fronzoli e orpelli… sfuggenti di fronte alla chiassosa pubblicità, confusa talvolta per timidezza talvolta per alterigia.
    I tempi diversi hanno fatto la differenza : uno, cresciuto ai tempi dei social ha dovuto adattarsi e accettare ( inizialmente forse subire) l’attenzione e la curiosità dei fans…alla quale non si è mai completamente arreso: infatti affiora sempre il suo caratteriale riserbo e il fatto che preferisca le amicizie più intime alle chiassose folle, proprio come la Garbo…che però ha potuto percorrere con maggiore libertà e più facilmente la scelta di una vita lontano dai riflettori.

    Piace a 5 people

  4. Engin Akyürek e Greta Garbo, un parallelismo azzeccato e sorprendente per me, che per certi versi non sarei mai stata tentata di pensare…ma ,in effetti le loro storie potrebbero essere affini per quel che riguarda le loro straordinarie capacità recitative, la loro caparbia voglia di realizzare i propri sogni, la loro riservatezza… questo ha fatto di Greta Garbo un’icona, un mito, proprio quello che Engin è per tante di noi che ci riteniamo fortunate ad averlo potuto conoscere

    Piace a 4 people

    1. Ringrazio WikiGiusy per questa traduzione e Navid Shazhad per aver scritto un articolo che ci permette di conoscere sempre più a fondo questo attore.Mi piace scoprire che il talento che riconosco in Engin Akyürek non è dettato solo da un’ ammirazione sconsiderata ma gli è riconosciuto da persone più competenti di me. Mi piace questo paragone con icone di altri tempi quando il mistero avvolgeva le vite degli artisti e li rendeva irraggiungibili ,un po’ come il nostro Engin, che suo malgrado ha dovuto cedere (per nostra fortuna) per lavoro ai mezzi di comunicazione dei nostri tempi come i social di cui sono sicura farebbe a meno.

      Piace a 1 persona

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: