Engin Akyürek idolo romantico globale con l’indimenticabile Ömer Demir

Poco dopo aver completato il film Bi Küçük Eylül Meselesi, Akyürek ha assunto un ruolo che lo avrebbe reso un idolo romantico globale. Interpretando il poliziotto che beve il tè, altruista, onesto e di principi il Komisar Ömer Demir, Akyürek ha vinto nella categoria miglior attore al Seoul Drama Awards e ha avuto una nomination come miglior attore negli International Emmy Awards nel 2015 mentre la serie ha raccolto un sacco di altri premi per la migliore serie, la migliore attrice, la migliore attrice non protagonista e la migliore musica ecc. su altre piattaforme.

Eylem Canpolat e Sema Ergenekon hanno ideato la storia e la sceneggiatura per quella che può essere considerata la prima serie poliziesca in stile americano della televisione turca. Avendo collaborato in precedenza per la serie di successo Sila, interpretata da Cansu Dere e dal carismatico Mehmet Akif Alakurt, si dice  che le due sceneggiatrici abbiano scritto il personaggio di Ömer proprio pensando ad Akyürek. La serie lo ha messo in coppia con l’adorabile Tuba Büyüküstün che interpretava Elif Denizer, una designer di gioielli di professione e alla fine l’interesse amoroso di Ömer Demir. La serie, che è partita alla grande con la sua prima stagione, è sembrata perdere vigore durante la seconda, poiché i campanelli d’allarme hanno suonato con un calo degli ascolti, spingendo gli scrittori a iniettare un’enorme dose di romanticismo e a minimizzare l’aspetto thriller della storia.

Akyürek è tornato sul piccolo schermo con un altro personaggio vestito con giacche di pelle e jeans che avevano visto giorni migliori, con una barba piu’ lunga e la sua solita bella chioma. Mentre il viso di Akyürek ha trovato la cornice perfetta per il suo nuovo look accattivante con lo scaldacollo fatto  dalla madre  Elvan avvolto intorno al suo collo,  Tuba Büyüküstün ha sfruttato al massimo il suo aspetto mozzafiato e i suoi vestiti eleganti. Entrambi i personaggi hanno immediatamente colpito le corde delle spettatrici di tutto il mondo mentre un Omer  col cuore spezzato a caccia dell’assassino della sua fidanzata, si è imbattuto invece nell’amore nel posto più improbabile. Con una colonna sonora di Toygar Isikli e una regia superba di Ahmed Katiksiz, il serial ha reso Akyürek una celebrità internazionale poiché la serie rimane una delle storie di maggior successo della Turchia, essendo stata venduta in più di cento paesi fino ad oggi.

Sfruttando al massimo il popolare genere ragazza ricca-ragazzo povero, Kara Para Aşk usa il Bosforo per tracciare linee tra ricchezza e povertà, bontà e male, onestà e inganno che sono al centro della trama. Non è un caso, ad esempio, che Ömer Demir viva nella parte asiatica della favolosa Istanbul, mentre Elif Denizer si trova in una casa sontuosa nel quartiere alla moda di Bebek. Ciò che lega i due personaggi è la misteriosa morte della fidanzata di Ömer e del padre di Elif in un’auto a tarda notte in un luogo abbandonato nella vicina Agva. L’incidente dà ad Akyürek la possibilità di iniziare a tessere la sua magia molto presto nell’episodio mentre guarda la sua fidanzata morta nell’auto macchiata di sangue mentre un vento freddo gli scompiglia i capelli. Illuminato solo dal faro mobile del vicino faro, il viso di Akyürek riflette prima lo shock e l’inspiegabile smarrimento che presto lasciano il posto a una tristezza silenziosa mentre una singola lacrima sfugge dal suo occhio sinistro. Il momento, catturato con grande finezza dal regista, rimane uno dei più memorabili della serie.

Dire che Kara Para Aşk ha qualcosa che piace a tutti è affermare l’ovvio. Da  una Van innevata allo splendore della città sul mare fino alla città gemella di Istanbul, Roma, anch’essa situata su sette colli e ritorno; KPA sfrutta appieno i classici di Hollywood come Vacanze Romane per costruire la propria trama. Usando la fugace somiglianza di  Tuba Büyüküstün con la leggendaria Audrey Hepburn; gli scrittori usano sfacciatamente scene del film come la loro visita alla Bocca della Verità  per ricreare scene per la propria serie. Mentre Ömer ed Elif discutono e si fanno strada attraverso frequenti battibecchi senza che nessuno dei due si arrenda, riecheggiano l’arguta intelligenza dei dialoghi scritti per Hepburn e Grant in classici come Charade. Un inseguimento in auto con risultati quasi disastrosi vede Ömer frenare forte mentre osserva l’audace tentativo della bellissima sconosciuta di impedirgli di portare via la scatola che ha rubato dalla casa della sua fidanzata. Lo sguardo ammirato di Akyürek mentre guarda l’intrepida ragazza che guida l’auto che blocca la sua è degno di un premio tanto quanto lo sono i suoi momenti di dolore accanto al cadavere della sua fidanzata all’obitorio.

Ciò che ha fatto amare Ömer ed Elif agli spettatori di tutto il mondo non è solo il fatto che i ruoli sono stati interpretati da due degli attori più eccitanti e di bell’aspetto sugli schermi televisivi turchi, ma il fatto che i loro personaggi sembravano fin troppo umani. Nonostante abbiano iniziato una relazione enfaticamente basata sull’onestà (Ömer) e sull’amore incondizionato (Elif), entrambi non riescono a mantenere le rispettive promesse poiché la vita li costringe a maturare e fare spazio a eventualità invisibili. Ömer per esempio, non condivide il suo passato con Elif come avrebbe dovuto per quanto riguarda la sua relazione con Ipek, o il fatto che fosse stato abbandonato inaspettatamente poco prima che si sposassero.

Non è certamente una svista poiché Elif lo interroga in più di un’occasione sul nuovo ufficiale di polizia. Il fatto che Ömer si rifiuti di divulgare la verità può essere attribuito a un senso inconscio di orgoglio maschile ferito, ma più di ogni altra cosa può essere attribuito al fatto che essenzialmente Ömer è una persona molto riservata che trova difficile trasmettere i suoi sentimenti più intimi con lo stesso facilità in cui lo fa’ Elif. La sua continua reticenza diventa causa di notevole frustrazione per Elif e porta a due incidenti separati; uno in cui provoca un terribile incidente e il secondo in cui Ömer cerca di riconquistare una Elif sconvolta confessando la sua incapacità di aprirle il cuore che lascia i due in manette. Una grande considerazione  per i sentimenti di Elif gli impedisce di rivelare l’identità dell’assassino di suo padre fino a quando non è quasi troppo tardi. La sua eventuale confessione, quindi, su quanto sia disilluso e affranto per essersi fidato ciecamente della sua famiglia è una delle sfide più difficili che la vita gli lancia. Akyürek gestisce la scena con grande abilità artistica mentre la sua voce sembra spezzarsi sotto lo sforzo di trattenere il suo dolore mentre affronta una Elif dal volto cinereo proprio come aveva fatto quando ha annullato il loro matrimonio mentre affrontava una splendente ma addolorata Elif in abito da sposa.

Allo stesso modo, anche se la prima premessa di Elif sulla ricerca dell’amore incondizionato sembra essere terminata dopo aver incontrato Ömer; tuttavia, vediamo che è lei che pone condizioni alla loro relazione. Per essere onesti, si può capire che la condizione deriva dalla sua paura per la vita di Ömer poiché affronta un pericolo costante come poliziotto, ma in questo caso la sua preoccupazione non si limita solo alla sua sicurezza fisica. È stata testimone oculare del tributo che ha portato Dundar alla giustizia per Ömer. Sentendosi in parte in colpa perché è a causa  sua che Ömer è stato ferito ed è ora traumatizzata dal ricordo del doloroso suicidio di Tayyar in una cella di prigione; La preoccupazione di Elif è anche per il suo benessere mentale. Qualunque siano le sue ragioni, l’amore condizionato di Elif verso la fine di una serie  è ben lontana dalla premessa enormemente idilliaca con cui aveva iniziato. Col tempo, sia Ömer che Elif imparano a prendere le distanze da un passato orribile e tragico mentre tentano di costruire una vita gioiosa e appagante lontano dalle rispettive case, il che consente alla serie di terminare con una nota positiva.

I problemi con KPA (e sono tanti) nascono dal costante cambiamento di posizione degli sceneggiatori che è in parte dettato dal temuto calo degli ascolti settimanali ma che ha impattato sulla credibilità degli stessi protagonisti. È abbastanza ovvio che sia Ömer che Elif hanno i loro talloni d’Achille, cioè le rispettive famiglie. La natura indulgente di Elif le permette di mettere da parte le scelte sbagliate di Nilufer riguardo a Fatih/Metin anche se il continuo silenzio di sua sorella minaccia di condannarla a una vita in prigione. Di conseguenza, piuttosto che guadagnare simpatia, gli spettatori si sono spesso trovati sempre più irritati dal comportamento di Nilufer che è diventato quasi intollerabile. Essendo la più giovane, è ovviamente viziata, il che spesso si traduce in un’eccessiva egocentrica. La lezione che si impara da tale “perdono” abituale non è certo morale e in realtà apre un vaso di Pandora di domande sul fatto che Elif sarebbe stata così pronta a perdonare se l’autore fosse stato qualcun altro oltre a sua sorella? Anche l’abitudine di Elif di farsi carico di ogni situazione colpisce come un problema poiché inizia a comportarsi sempre più come sua madre severa che è una maniaca del controllo. Le buffonate di Nilufer e Asli agiscono come irritanti aggiuntivi come il loro comportamento irregolare; in particolare lo snobismo di quest’ultima verso la famiglia di Ömer, lungi dall’essere divertente lascia lo spettatore con l’amaro in bocca.

Ömer nei panni del minore di due fratelli con un fratello che ammira quasi come un padre surrogato trova la sua vita sgretolarsi davanti ai suoi occhi dopo che la sua fidanzata muore in una misteriosa sparatoria. Tuttavia, a differenza di Elif, si rifiuta di perdonare,  o permettere a suo fratello di fuggire o scomparire, ma insiste che sia fatta giustizia. Ovviamente c’è una differenza essenziale tra i due casi poiché Huseyin Demir è un assassino oltre che un uomo disonorevole che tradisce sua moglie e ha un figlio fuori dal matrimonio. Tuttavia, Ömer impara presto che le scelte di vita non sono mai così semplici  come le aveva immaginate. La saggezza ricevuta ci dice che una bugia tira l’altra e Ömer si ritrova sopraffatto dalle bugie che è costretto dalle circostanze a dire a Elif per rompere tutti i legami con la sua amata. È una situazione quasi shakespeariana in cui il cugino di Giulietta Tebaldo viene ucciso da Romeo con il risultato che Montecchi e Capuleti diventano nemici giurati per sempre, eppure gli amanti riescono a superare quella barriera solo per soccombere a una crudele catena di circostanze. Fortunatamente in questo caso e diversamente dagli amanti adolescenti Romeo e Giulietta; la vita è più gentile con Ömer ed Elif.

È interessante come la serie utilizzi il flusso silenzioso ma costante del Bosforo come divisorio naturale tra i suoi personaggi collocandoli su sponde opposte delle acque. La casa sgangherata di Ömer con il suo tetto che perde, i gradini di pietra e il notevole pozzo asciutto  e l’angusto appartamento di Sibel sono situati nella parte asiatica, mentre i ricchi Denizer e Dundar vivono nella parte europea in case sontuose. Che Ömer ed Elif riescano ad attraversare le sponde è solo grazie al potere del loro amore che li aiuta a superare tutti gli ostacoli che vanno dall’omicidio, al contrabbando e alle differenze socioculturali o economiche. A questo proposito, KPA mostra che l’avidità non è solo una malattia che affligge i poveri, ma è altrettanto dilagante tra i ricchi come Huseyin Demir e Tayyar Dundar sembrano essere fatti della stessa stoffa.

Il tradimento dei valori morali è forse più evidente nel caso di Huseyin poiché non è solo un ipocrita ma anche un bugiardo, un imbroglione e un assassino. Tuttavia, la spaventosa avidità e crudeltà al limite della follia che è il segno distintivo di Dundar è incredibile. Estremamente esagerato per mostrarlo come un genio del male freddo e spietato, Dundar viene visto macellare animali, pescare pesci con resti di orecchie umane, sparare a servitori e rubare i loro organi, uccidere per diamanti e torturare donne con calma impeccabile. Inoltre sembra avere le proverbiali nove vite: accoltellato e dato per morto da Huseyin e sparato più volte da suo figlio, Dundar riesce a sopravvivere con solo un rene come danno collaterale! Tra i due lati fluttua il personaggio di Fatih/Metin, il bambino illegittimo che, come i tanti ponti che attraversano il Bosforo, collega le vite delle persone che vivono su entrambe le sponde mentre sfrutta le ragazze povere del lato asiatico dove può facilmente trovare una Sibel disperata per contrabbandare il suo denaro nero all’estero o ricatta una Elif dalla parte più benestante. Man mano che la narrazione va avanti, sostiene alcuni temi popolari come l’amicizia che è tradita nel caso di Elif da Bahar, che lei considera la sua migliore amica, ma è piacevolmente in contrasto con il cameratismo tra Ömer, Arda e Pelin. KPA riesce quindi a infrangere gli stereotipi e allo stesso tempo a sostenerli in una storia che è tesa e piena di suspense all’inizio, ma che inizia rapidamente a cedere verso la metà della seconda stagione costringendo gli scrittori a iniettare una forte dose di romanticismo nella narrazione.

Per sostenere il rating, KPA ricorre a un elemento comune a tutte le serie turche. La gelosia che alza la sua brutta testa mentre sia Elif che Ömer soffrono durante i loro periodi di separazione. Il vero amore richiede assoluta lealtà e una volta professato è un patto stipulato tra due individui ad esclusione degli altri. La riluttanza iniziale di Ömer a impegnarsi nonostante un bacio a sorpresa sul ciglio della strada viene attivata con successo quando Elif comincia a flirtare con un Levant bello e prontamente disponibile. Lo stratagemma fa miracoli e gli spettatori si rallegrano della mancanza di discrezione di Ömer mentre bacia appassionatamente Elif in un parco pubblico! Le sue ferite e la sua paziente dolcezza durante la sua convalescenza, l’accoltellamento di Elif in prigione, il successivo aborto, le cose che scrive nel suo diario in prigione  servono solo a convincere gli spettatori del legame insolitamente forte che esiste tra Ömer ed Elif mentre lottano per creare un futuro per se stessi. Interpretato da Akyürek, Ömer si presenta come un poliziotto insolitamente intelligente che ha un forte senso del dovere, valori familiari e responsabilità. Libero anche dai più piccoli vizi personali come il fumo, Ömer è il tipo di uomo che qualsiasi donna troverebbe irresistibile, il che spiega perché l’estremamente selettiva Elif trova in lui il suo vero amore.

All’inizio della storia, sia Ömer che Elif hanno trent’anni con precedenti interessi amorosi. È piacevole vedere che Ömer non pratica i doppi standard a cui ricorre la maggior parte degli uomini riguardo alle loro partner femminili. Ömer si rende conto che Elif ha avuto relazioni prima che lei lo incontrasse e non è contrario a raccontare le proprie avventure adolescenziali, ma traccia in modo divertente il limite a Elif che fa lo stesso! Nell’interpretare i personaggi principali, Akyürek e Büyüküstün mostrano un’alchimia romantica senza precedenti che ha affascinato il pubblico. Poiché la censura nel 2014-2016 non era così severa come è diventata negli ultimi anni, ad Akyürek e Büyüküstün è stata concessa una notevole libertà di recitare le loro scene intime con ogni gesto di affetto, ogni carezza, ogni bacio, incontro fisico catturato dalla telecamera. Lo status di culto di Kara Para Aşk è in gran parte dovuto all’innegabile magia creata da Akyürek e Tuba attraverso la loro bellezza fisica, ma deve anche essere attribuito all’uso intelligente della letteratura turca da parte degli scrittori nei luoghi più improbabili. Ömer legge a Elif di Nazim Hikmet in prigione oppure recita una citazione Cesare Pavese  un Ömer ubriaco di un cocktail di dolore e raki. La musica di Isikli intona la famosa melodia infinitamente cantilenante ed Elif stordisce gli spettatori con i suoi abiti e gioielli alla moda. Eventi culturali come la circoncisione offrono occasioni per una danza comunitaria e il matrimonio di Arda e Pelin inizia alla grande con una celebrazione del mohalla.

Guardando obiettivamente KPA, si può dire che la serie riguarda i vari contrasti che prevalgono nella Turchia moderna, dove una cultura urbana e d’elite’ si scontra a capofitto con una tradizionale. Che entrambe le culture siano esistenti e praticate può essere visto nel contrasto tra le vite dei ricchissimi Denizer e Dundar e le vite nude sia dei Demir che dei Sundac. È tuttavia significativo che la figura materna angelica di Elvan non si trovi mai faccia a faccia né con la madre di Elif né con lo spietato Tayyar Dundar. È come se la madre di Ömer simboleggiasse il meglio della cultura musulmana con la sua profonda fede in un Allah misericordioso e una vita vissuta da un corrispondente sistema morale che detta il comportamento etico e morale. Ömer beve con gli amici ma mai davanti alla madre che si ritira discretamente per fargli trascorrere una serata insieme agli amici. In Elif riconosce le qualità innate che legano suo figlio a lei e sostiene pienamente la loro relazione anche se non sono sposati.

Un finale inutilmente lungo ha rovinato quella che avrebbe potuto essere una serie superba. Afflitto da alcuni eventi insensati e mal congegnati come la conveniente morte della zia di Elif, Nedret, la cui animosità nei confronti di Ömer avrebbe potuto essere attribuita solo a una percezione di loro secondo lei non complementari senza  il peso aggiuntivo delle inclinazioni criminali di Nedret avrebbe aiutato a riordinare considerevolmente la trama . Così com’è, KPA è una serie imperfetta resuscitata solo dalla superba interpretazione di Engin Akyürek con il suo perfetto linguaggio del corpo che ritrae un ufficiale di legge addestrato e molto intelligente con abilità speciali. Akyürek si muove senza sforzo da un aspetto all’altro della vita del suo personaggio, come dimostra la facilità con cui gestisce le armi, le tattiche di interrogatorio e il lavoro di intelligence da un lato, mentre dall’altro, è altrettanto perfetto nel suo ritratto di un brav’uomo profondamente innamorato di una donna con cui vuole trascorrere il resto della sua vita. Nonostante la sua profonda amicizia con Arda, Ömer apre il suo cuore solo a Elif e alla sua santa madre che rimane l’unico porto sicuro permanente in un paesaggio marino in continua evoluzione. Che alla fine la lasci per seguire il suo cuore è forse il sacrificio più grande che un uomo possa fare per la donna che ama, motivo per cui la statura morale di Ömer continua a crescere ancora di più verso la fine.

Analisi scritta da Navid Shazhad tradotto da Wiky

Seguici su:

5 Replies to “Engin Akyürek idolo romantico globale con l’indimenticabile Ömer Demir”

  1. Grazie mille! E’stata e sarà sempre la mia serie del cuore. E come per il primo amore si ricordano solo le cose belle e i difetti restano in secondo piano: Tante imperfezioni e anche errori marchiani, per esempio nel montaggio di alcune scene….ma gli errori si perdonano difronte alle emozioni che questa serie suscita . ♥️🙏

    Piace a 1 persona

  2. Come sempre le analisi di Navid Shahzad è un piacere leggerle. Accurate, con minuzia di particolari che descrivono la storia e i personaggi. KPA credo sia il primo amore con il quale ci si è avvicinate alle serie e al cinema turco. Un amore per Engin e per gli altri personaggi della serie, tutti, bimbi inclusi, che dimostrano un’innato talento recitativo. Omer ed Elif (adorabile Tuba) l’amore incondizionato. E per moltissime nasce questo amore condiviso per l’artista Engin, per il suo innegabile talento e fascino. E sarà un’escalation di conferme che questo attore ci darà sorprendendoci ogni volta un pò di più. Navidad menziona il suo occhio sinistro, particolare che notai da subito. Il suo pianto inizia da lì per poi rendere i suoi occhi liquidi di dolore. Contrasto di modernità e tradizione la Turchia di KPA alla quale non puoi rimanere indifferente e che ti porta a voler conoscere di più. Tutti i suoi progetti sono scommesse riuscite, perchè ogni percorso, ogni lavoro che un uomo intraprende è sempre una sfida. Di sicuro KPA rimarrà lì ben custodito nella mia mente (e nel mio cuore) come un affollamento di emozioni, anche se ci saranno progetti che per il perfezionarsi di tecnologie o trame potranno risultare di maggior spessore. ❤️

    Piace a 1 persona

  3. Grazie mille per questa traduzione . Engin Akyürek e Tuba Büyüküstün con la loro bravura il loro feeling ci hanno regalato momenti indimenticabili e che difficilmente riusciremo a dimenticare . Ormai questa serie e i personaggi di Ömer ed Elif rimarranno nel cuore di tante di noi .

    Piace a 1 persona

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: