Amore e perdono – Kerim Ilgaz

La serie drammatica Fatmagül’ün Suçu Ne? (2010-12) è stata adattata dal romanzo omonimo scritto da Vedat Turkali nel 1986. È interessante notare che la precedente versione cinematografica del libro realizzata nel 1986 vedeva il defunto attore Aytac Arman nel ruolo di Kerim Ilgaz. Molti anni dopo, Arman ha interpretato Ahmet Denizer (il padre di Elif) nella serie di grande successo Kara Para Ask (2014-15)!

Il mondo di Kerim Ilgaz è tanto diverso dal mondo di Mustafa Bulut quanto il polo nord lo è dal sud. Invece del figlio maggiore epilettico viziato  di un potente sindaco, Akyürek interpreta Kerim, un orfano adottato da una guaritrice  Meryem, che i cittadini chiamano affettuosamente Ebe Nene, che significa levatrice o nonna. Il fabbro dall’aspetto attraente, abbronzato dal sole,  con il suo romantico portamento e  con i capelli lunghi è ben diverso dal meditabondo mercuriale benestante Mustafa Bulut, mentre guadagna la giornata nella bottega del suo maestro. La prima apparizione di Akyürek nella serie è all’aeroporto locale di Ildir, dove va a ricevere i suoi ricchi amici in un’auto presa in prestito.

L’ acclamata regista Hilal Saral, muove la telecamera attorno alla figura snella sdraiata casualmente contro l’auto, dopo aver registrato completamente la bella chioma di Akyürek. Grato per essere stato incluso nella compagnia dei suoi ricchi amici, il bel giovane è oggetto di molte chiacchiere tra i socialitè di Istanbul che scendono in orde sulla città addormentata, come falene attratte da una fiamma, per assistere al fidanzamento di Selim Yasaran con Meltem, figlia di un politico di spicco.

Kerim vede per la prima volta Fatmagül mentre  cerca di spingere fuori dall’acqua un animale. In tutti i festeggiamenti che precedono il fidanzamento, Akyürek appare fiducioso ma un po’ alienato poiché si sente stranamente imbarazzato dal modo in cui i suoi amici guardano a bocca aperta e fanno commenti osceni sulla pastorella bagnata. Il loro secondo incontro è su una rampa di scale a casa Yasaran. In modo dolce ma sfacciato, sia Kerim che Vural bloccano la strada a Fatmagül per alcuni secondi, durante i quali Kerim si innamora della ragazza vestita semplicemente, con le guance rosee e gli occhi verdi. Il loro prossimo incontro è su una spiaggia buia dove i quattro ragazzi, Erdoğan, Selim, Vural e Kerim ubriachi di un mix tossico di alcol e droghe finiscono dopo il fidanzamento. Sfortunatamente, Fatmagül, correndo per vedere il suo fidanzato pescatore Mustafa, prende una scorciatoia per la baia e passa vicino ai ragazzi. Tragicamente e con suo rammarico per tutta la vita, Kerim è il primo ad attirare l’attenzione su di lei e quello che inizia principalmente come uno scherzo diventa orribilmente brutto quando Fatmagül viene stuprata  dagli Yasaran e Vural, mentre Kerim guarda in uno stupore ubriaco e inorridito. La mattina dopo l’aggressione, le espressioni facciali di Akyürek sono quelle di un uomo in balia di un mix volatile di confusione e amnesia indotta dalla droga intrecciate con lampi di cognizione mentre cerca di ricostruire gli eventi della notte dopo il brutale crimine. Superbamente rappresentato mentre lotta con i vuoti nella sua memoria, si stringe la testa mentre la sorella adottiva/tutore Meryam lo attacca con rabbia frustrata per il crimine che crede che Kerim abbia commesso. Colpito dalla sua coscienza e singhiozzando in modo incontrollabile, Kerim può solo ripetere una frase: “Non l’ho fatto”, che dice ripetutamente.

Quella sola notte in cui ha perso i sensi pone fine alla spensierata vita a Ildir di Kerim. Nello spazio di poche scene, Akyürek riesce con grande finezza a salire sulle montagne russe piene di emozioni. Colpito dal terrore mentre viene inseguito dalla polizia, molestato e tormentato dagli Yasaran, manipolato dallo zio di Selim, Münir Telchi e dall’insaziabile cognata di Fatmagül, Mukaddes; Kerim alla fine tace e si prende la colpa per un crimine che non ha commesso.

Il montaggio in post produzione consente un flusso narrativo senza interruzioni, ma i video/film non vengono quasi mai girati in sequenza poiché sono soggetti a orari di ripresa, cambiamenti di location e differenze di orario. Parte di una sequenza, ad esempio la scena a casa di Vural dopo la fatidica notte, sarebbe stata girata in un altro giorno poiché c’è un luogo e una differenza di orario, ma ci si aspetta che l’attore riporti gli stessi sentimenti che ha interpretato forse qualche giorno prima. Passare avanti e indietro, quindi, richiede grande disciplina, premura e una memoria affilata come un rasoio per aiutare a ricreare le emozioni richieste. Akyürek brilla gloriosamente nel ruolo del capro espiatorio mentre il suo volto riflette rimpianto, paura, disperazione e poi una calma eroica mentre viene spinto con la forza a sposare una Fatmagül furiosa e altrettanto indifesa e si ritrova su un aereo per Istanbul con lei.

Fatmagül’ün Suçu Ne? non è solo la storia di Fatmagül, la vittima di stupro che ha messo in ginocchio un enorme impero finanziario, ma è anche un racconto morale sulle conseguenze delle azioni di ciascuno. Violenza e stupro, abbandono e tragedia, avidità e potere sono tutti protagonisti del serial di 80 episodi che ha conquistato allori e cuori in tutto il mondo. Esamina le profonde ferite lasciate dalla violenza casuale che segna la vita di innumerevoli donne e bambini comuni e come questi possono essere guariti solo con infinita pazienza, comprensione e sostegno. In questo senso, Fatmagül non è l’unica vittima della narrazione, sebbene sia anche il personaggio principale, anche Kerim è una persona con un passato non molto felice  poiché viene abbandonato dal padre e vede il corpo senza vita di sua madre appeso alle travi a una età molto giovane.

Una sceneggiatura intelligente e sensibile scritta da un team composto da Melek Gençoglu ed Ece Yörenç con Vedat Türkali, lo stesso romanziere come consulente; esamina come un matrimonio sopravvive all’odio, al pregiudizio e alle profonde insicurezze permettendo a Fatmagül e Kerim di trovare amore, onore e rispetto mentre combattono contro i loro demoni personali per trovare finalmente la pace che entrambi bramano.

Per illustrare il talento istrionico di Akyürek, basta guardare alcuni momenti decisivi della narrazione che collocano l’attore in una categoria a sé stante. Saral inquadra abilmente e frequentemente il suo eroe nella finestra della capanna dove vive Kerim. È da qui che vede la miseria di Fatmagül mentre è vittima di bullismo quotidiano da una crudele Mukaddas, quasi come se studiasse la sua vita da lontano. Lo stato emotivo di Kerim non è migliore  di quello di Fatmagül mentre piange lacrime gelide di rimpianto, empatia e compassione per la ragazza la cui vita ha rovinato durante una notte da incubo. La risposta di Kerim all’odio di Fatmagül è vista in primo piano mentre i suoi occhi insondabili feriti bruciano come buchi scuri nel suo viso cinereo nonostante il fatto che tenti di raggiungere la ragazza che ama in diversi modi. Sua sorella Meryem aiuta come intermediaria nel passare i suoi regali di Natale a Fatmagül come se fossero suoi mentre Kerim guarda il suo viso felice dalla sua finestra.

Il culmine della loro delicata relazione è la scena in cui Fatmagül sorprende Kerim andando da lui nel cuore della notte. In uno scambio straordinariamente commovente, Fatmagül articola per la prima volta il danno catastrofico che Kerim e i suoi amici hanno fatto alla sua psiche, al rispetto di sé, all’onore, all’innocenza, alla purezza e ha infranto tutti i sogni che aveva per un futuro con Mustafa. Il silenzio di Akyürek mentre Fatmagül, incapace di sopportare il peso del suo dolore, crolla come una bambola di pezza alla sua porta, è uno spettacolo da vedere. Senza dire una parola, i suoi occhi si riempiono di lacrime mentre il suo viso si addolcisce di compassione mentre emozioni miste di amore, rimpianto e impotenza lo attraversano; tutto ciò che può fare, tutto ciò che è in grado di fare in quel momento è portarsi un dito tremante alle labbra come per mettere a tacere il suono delle grida angosciose di Fatmagül.

Ci sono molti altri momenti senza fiato nella serie, ma due esempi spiccano come esempi di eccellenza. Mentre Kerim aspetta fuori dalla stazione di polizia notizie su dove si trovi Fatmagül dopo il suo rapimento da parte di un pazzo Mustafa, uno dei poliziotti arriva con la terribile notizia che l’auto di Mustafa è caduta giù da un ripido dirupo. All’inizio Akyürek guarda semplicemente l’uomo come se non capisse quello che ha detto, poi mentre la notizia affonda, barcolla all’indietro contro un’auto per sostenersi e infine come se le sue gambe cedessero sotto di lui sprofonda a terra. È una scena silenziosa ma l’impatto è molto maggiore di quanto avrebbe avuto una dozzina di righe di dialogo. L’effetto della tragica notizia è inciso nell’espressione di Akyürek di un tale dolore che le parole sono inadeguate. Mantiene la stessa postura ed espressione senza vita come se un uomo morto fosse in piedi mentre l’auto  viene tirata fuori dalla sua tomba acquosa. L’isteria di Rahmi alla vista degli stivali di Fatmagül, il viso rigato di lacrime di Meryem mentre aspetta che le portiere della macchina vengano aperte sono in diretto contrasto con il silenzio di Kerim mentre guarda l’operazione di salvataggio con occhi ciechi. È solo quando viene discussa la possibilità che Fatmagül sia viva che finalmente prende un respiro di vita tanto atteso.

A parte questi momenti salienti, Akyürek ipnotizza con segni piccoli ma percettibili dei suoi crescenti sentimenti per Fatmagül, ad esempio il sorriso ampio e deliziato che non può controllare dopo che una spaventata Fatmagül corre da lui per chiamarlo quando scambia il girovagare di Kerim per la casa di notte per gli Yasaran in arrivo  per un attacco. O il sorrisino di piacere che si lascia sfuggire mentre vede il suo anello al dito di Fatmagül il primo giorno di lavoro!

La seconda scena, tuttavia, è davvero il culmine in quanto racchiude la relazione in maturazione tra Fatmagül e Kerim. Saggiamente, Saral non ha provato la scena, ma ha solo posizionato due telecamere su entrambi i lati degli attori mentre Fatmagül e Kerim si affrontano finalmente la prima notte di nozze. Dimostrando la sua fiducia nell’abilità di Beren Saat con cui aveva lavorato in precedenza mentre dirigeva Ask-i-Memnu e riponendo la sua completa fiducia nelle capacità di Akyürek, ha semplicemente lasciato accese le telecamere e ha permesso agli attori di recitare la scena da soli. Il risultato è a dir poco fenomenale. Il primo momento di vera intimità termina bruscamente con la lacrima di Kerim sulla spalla di una sorpresa Fatmagül, seguita da Kerim che barcolla all’indietro e scivola contro l’armadio per sedersi sul pavimento mentre crolla completamente. Il modo in cui Akyürek si toglie gli strati di calma per esporre il suo tormento interiore al pensiero di ciò che ha fatto alla donna che siede di fronte a lui è degno di una standing ovation. Il cuore di Akyürek appare in fiamme di rimpianto mentre si colpisce le labbra per aver rivelato la presenza di Fatmagül in quella fatidica notte spogliandosi di ogni pretesa di normalità.

In tutta l’attenzione prestata a Fatmagül come vittima, lo stato d’animo di Kerim è stato completamente trascurato. Ora faccia a faccia con la sua coscienza, si torce le mani per la disperazione mentre piange inconsolabilmente poiché la sua salvezza non risiede nel perdono di Fatmagül, ma se potrà mai perdonare se stesso per quell’unico momentaneo errore. Tale è lo stato pieno di rimorso di Kerim che anche Fatmagül crolla e la notte così temuta e tuttavia così agognata assomiglia nelle parole di Fatmagül “come un camino che viene spazzato via”. dell’uomo che non può perdonarsi per ciò che è accaduto in sua presenza.

 Per esaminare l’intera serie bisognerebbe scrivere un  libro, ma per gli scopi attuali dovrebbe essere sufficiente dire che Akyürek dà vita a Kerim con tutti i suoi punti di forza e di debolezza, la sua capacità di amore e compassione, mentre rivela le ferite e le vulnerabilità di Kerim portate avanti da un’infanzia disfunzionale. Un grande attore ha bisogno di una grande sceneggiatura e viceversa e in Fatmagül’ün Suçu Ne? Akyürek offre una performance indimenticabile. Pochissimi attori possono usare il silenzio nel modo in cui lo fa Akyürek mentre fa nostre le gioie e i dolori di Kerim. Vediamo in lui le nostre fragilità tanto quanto vediamo in lui la possibilità di redenzione resa possibile attraverso il realizzarsi di un vero amore.

Scritto da Navid Shazhad e tradotto da Wiki Giusy

2 Replies to “Amore e perdono – Kerim Ilgaz”

  1. Bellissima analisi, la condivido pienamente e mentre leggevo rivedevo le scene citate, che sono ben impresse nella mia memoria, pur avendo visto la serie una sola volta…la rivedrò sicuramente ma devo essere pronta per affrontare tutte le emozioni che questa serie provoca in me

    Piace a 1 persona

  2. Le analisi ci offrono sempre nuovi spunti di riflessione. Questa oltre a fornire questo, conferma quello che per molti è stato il punto forte della serie. La delicatezza con cui è stato trattato un tema terribile

    Piace a 2 people

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: