Sancar Efe l’eroe imperfetto/ 3 parte

Analisi delle puntate e del personaggio di Sancar Efe magistralmente interpretato da Engin Akyürek scritta da Navid Shahzad.

Il termine eroe deriva dalla parola greca “eroi”, che significa semidio e definisce un uomo con forza e coraggio sovrumani. Idealizzato, ma a volte al limite della follia come nel caso di Mustafa Bulut, l’eroe Byronic (precedentemente presentato nella parte 1) è un personaggio maschile imperfetto: arrogante e autodistruttivo, altamente fiducioso, narcisista e sottoposto a violenti attacchi di mal genio e depressione.

È un uomo intelligente, libero, indipendente e molto attraente, il cui rapporto con la società è spesso problematico.

Mentre la sua vita emotiva è spesso turbolenta in quanto non conforme, è per molti versi uno spirito libero e indipendente senza riguardo per lo stato e il rango. Possiamo vedere che la definizione è molto simile a Sancar, come evidenziato da piccoli incidenti, come dire al giovane cameriere nel parcheggio dell’ufficio di non aprirgli mai la portiera; o dire a Menekşe di non preparargli mai i vestiti, dato che non vuole essere “servito”.

Proprio mentre condanniamo il trattamento brutale e iniziale di Sancar su Nare, uno deve, per essere onesti, vedere le cose come appaiono dal suo punto di vista, cioè, in sostanza, dobbiamo entrare nella psiche di Sancar e provare a capirlo. Quindi, cominciamo con la prima tappa: Sancar ha undici anni quando incontra per la prima volta una visione meravigliosa sulla spiaggia, mentre Nare ha circa l’età che attualmente sua figlia ha, cioè otto anni. Dalla crisalide di un amore d’infanzia alla maturazione finale di una tanto attesa unione dei due giovani, c’è un’attesa lunga e solitaria di dieci anni (o più); poiché la tragedia si verifica il diciottesimo compleanno di Nare. Per Sancar, il lusso di una festa di compleanno è strano come un viaggio all’estero; tuttavia, risparmia abbastanza denaro per inviare un anello alla sua amata mentre suo padre è in India. Il modo crudele in cui l’ambasciatore Güven Çelebi lancia il prezioso dono per l’agonia di Nare è quasi un presagio di ciò che verrà. Traumatizzata, umiliata, imbarazzata, sia fisicamente che emotivamente, la giovane donna fugge nella sua “patria”, cioè dal suo amato, sperando di trovare rifugio, grazia e guarigione. Ma Nare calcola male tutto e sbaglia anche molto. Ciò può essere attribuito solo al suo stato d’animo turbolento e instabile, alla giovinezza, alla mancanza di esperienza e al desiderio schiacciante (ma in definitiva tragico) di impedire a Sancar di vendicarsi. Abbiamo già stabilito che gli amanti provengono da contesti culturali e sociali molto diversi e che le loro esperienze di vita sono radicalmente diverse. Non c’è dubbio che si amano l’un l’altro appassionatamente, ma la domanda è: si capiscono? Nare stessa confessa che non lo fanno a Gediz (Ep. 6). Pertanto, non dovrebbe essere una sorpresa per noi quando ciò che considera la panacea per il suo stato di tristezza innesca ironicamente gli eventi che si traducono nella tragica separazione degli innamorati. Rifletti per un momento: la mattina dopo il suo orribile stupro, Nare arriva a Milas e sposa Sancar. Secondo la legge turca, anche il matrimonio (nikah) deve essere registrato presso gli uffici comunali affinché sia ​​legale; ma poiché è una vacanza, le procedure devono attendere fino al giorno successivo. Nel frattempo, si sposò agli occhi di Allah e dei testimoni (Yahya e Kavruk), apparendo calma e delirantemente felice mentre indossava un bellissimo vestito bianco; Nare permette a Sancar di allacciarle la cintura della vergine intorno alla sua vita ed entra timidamente ma volentieri nella camera nuziale per consumare la loro unione come marito e moglie. Il significato del nastro rosso si perde su Nare, che lo vede solo come un simbolo di un felice destino reciproco come fanno i giapponesi; mentre per Sancar, il nastro è più che un esempio di unione armoniosa.

Nella tradizione turca, lo stretto tratto di seta che circonda la vita della sposa due volte prima di essere annodato da un fratello o un parente significa non solo la verginità, ma anche la promessa di verità, amore e lealtà. In tutta la sua vita, Sancar non ha avuto nulla, nemmeno un paio di scarpe. Nare è l’unica persona / possesso che può chiamare sua; così come si è dato completamente a lei. Fin dal loro primo incontro e durante tutti gli anni della separazione, è stato ferocemente fedele a questo unico amore e non ha mai guardato un’altra donna; per questo motivo, Nare appartiene esclusivamente a lui. “Sei mia”, dice mentre si scambiano conchiglie quando si fidanzano; eppure non la bacia mai come fanno gli innamorati. Questo folletto dalla pelle di porcellana con gli occhi chiari con i suoi capelli ribelli è così preziosa per lui che esita anche quando la tocca per paura che si spezzi o scompaia per sempre come un sogno affascinante. La vita non ha mai offerto a questo ragazzo / uomo tanta bellezza, grazia e amore, e non può credere alla sua fortuna. Tale è il suo impegno morale, emotivo, spirituale e fisico nei suoi confronti che, nella sua vera forma tradizionale, promette intimità solo dopo il matrimonio. Pertanto, non può nemmeno iniziare a immaginare che sia stata con qualcuno che non sia lui e abbia mentito al riguardo. Se Nare fosse corsa da lui per conforto, rivelando ciò che aveva passato, forse il risultato sarebbe stato diverso. Ma come dice (e Gediz chiede anche a Narê più avanti) e in un certo senso giustamente, come ha potuto, dopo essere stata violentata la sera prima, entrare in un matrimonio così tranquillamente, permetterle di legare il nastro da sposa intorno alla vita? Ed entrare nella camera matrimoniale così facilmente?

Pertanto, non dovrebbe sorprendere che, invece di ascoltare i suoi patetici motivi, esploda di rabbia per ciò che percepisce come una distruzione monumentale di tutti i suoi sogni e il “tradimento” di Nare di tutto ciò che considera sacro e prezioso. Data la risposta di Sancar e i tragici risultati risultanti dalle sue azioni, la domanda che ci rimane è monumentale. L’incapacità di Sancar di affrontare la situazione dovrebbe essere considerata incompatibile con l’eroismo?

To be continued

One Reply to “Sancar Efe l’eroe imperfetto/ 3 parte”

  1. A volte non basta solo “vedere una serie… ma guardare e osservare … comprendere cosa c’è dietro ad un personaggio e ai suoi errori, perché tutti commettiamo degli errori, nessuno è escluso.
    La differenza sta nel
    chi sa ammettere i propri errori e da questi imparare e crescere….ed è quello che farà Sancar nel suo percorso… 👏👏❤

    Io leggendo queste analisi ho potuto guardare… e non solo vedere le serie di Engin Akyürek …grazie per le tue traduzioni 🙏😘

    Piace a 1 persona

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: