Il trasformismo di Engin Akyürek

Ho conosciuto Engin Akyürek nel ruolo del komiser Ömer Demir, nella serie Black Money Love (Kara Para Aşk) conquistandomi al punto da indurmi a cercare altri suoi lavori. Da quel momento in poi, cambiano le mie abitudini e i miei interessi, allargo la mia rete di conoscenze sui social, scopro il gruppo di fan e approdo ad altre serie, film, racconti.
Divento famelica, bulimica, voglio vedere tutto, leggere, conoscere la sua vita, i suoi hobby e i suoi pensieri. Condivido con un gruppo di matte gli stessi interessi ed emozioni, sono a mio agio: sembra che anche loro, le matte, posticipino per Lui, quello che fino a poco prima pareva prioritario. Nel gruppo si pubblicano anche i suoi racconti, le interviste, i primi lavori… delle gemme. Personalmente non ho ancora visto tutto (il tempo devo dedicarlo anche ad altro) ma lo cerco questo tempo, anche se a fatica, perché VOGLIO trovarlo.

Tra i film mi colpisce A Small September Affair (Bi Küçük Eylül Meselesi), un pugno nello stomaco, struggente ma bellissimo, delicato come pochi, un’opera di nicchia; e così, dopo l’attraente Omer, mi imbatto in un timido e impacciato Tek, commovente nella sua fragilità, l’antitesi dell’eroe e del figo per antonomasia, interpretato magistralmente da un giovane Akyürek (tutt’altra cosa rispetto al volitivo commissario di Van).

Da contraltare, alcuni anni dopo, mi colpisce la dirompente interpretazione di Sancar Efe in Sefirin Kızı, resto un po’ perplessa per la sceneggiatura della serie a tratti accattivante ma a volte sconcertante, continuo a guardarla perché chi certamente non mi delude è Akyürek, che ha cambiato nuovamente forma: qui è il figo per eccellenza, un vero maschio alfa con la sua prestanza fisica e personalità dirompente, conturbante nei suoi scatti d’ira, rude ma a tratti dolce e disarmante, un gigante buono; insomma l’uomo che ti fa perdere la testa, un mix di forza e fragilità, sapientemente dosate per titillare le nostre fantasie, con una potenza scenica esplosiva.

In mezzo, una serie di altri lavori, con un Engin che muta continuamente, anche nel fisico: sembra più alto e imponente quando il suo personaggio ha un carattere dominante, come il gigante-Efe e appare normotipo, quando interpreta Umut-versione sfuggente e introversa.
Ma il vero Engin Akyürek è più simile ad Umut, Omer o Sançar? Potrei nominare anche Kerim, Dağhan, Mustafa e via di seguito, ma non aggiungerebbero niente al concetto che voglio esprimere: il suo trasformismo. Lasciando da parte queste amene curiosità riguardo alle eventuali similitudini caratteriali, che forse ho solo io, penso piuttosto a quanto questo miracolo della natura umana mi sorprenderà nei suoi ruoli sempre diversi – non c’è stato finora un personaggio uguale all’altro (tutte interpretazioni lodevoli, al di là del gradimento personale per un film o una serie piuttosto che per un’altra).

Engin non è ruffiano, non ripercorre la stessa strada, comoda e sicura, che gli ha dato successo e notorietà, al contrario di molti suoi colleghi d’oltre oceano-altrettanto bravi e professionali- ma spesso prigionieri di un ruolo. Ecco, intendo questo: Engin accetta le sfide e i rischi del mestiere, si mette in gioco scommettendo su sé stesso.
Grazie Engin Akyürek, per come sei! Prima che artista eccezionale, sei uomo e attore coraggioso.

Ale Sandra

I Due opposti TEK – SANCAR

(muovi le frecce)

21 Replies to “Il trasformismo di Engin Akyürek”

  1. Grazie AleSandra. Anche io ho scoperto Engin con Kara Para Ask e mi ha colpito l’Enginite acuta tanto da divorarmi quasi tutti i suoi lavori in pochissimo tempo innamorandomi sempre più di questo splendido attore cosi profondo, umano, VERO da interpretare tanti personaggi diversi da loro ma al quale lui dà tutto se stesso. Engin infatti accetta solo lavori in cui crede fermamente e dove lui può esprimere se stesso perchè io sono convinta che ogni personaggio da lui interpretato contiene un pò di se stesso. Poi lo devo ringraziare perchè grazie a lui vi ho scoperto!!!!!

    Piace a 1 persona

  2. Il mio pensiero che dal momento della conoscenza di Engin è stato coltivato più intimamente, lo ritrovo puntuale nelle condivisioni di questo gruppo. Allora il rimando è potente perché non più soggettivo ma oggettivo. Penso: questo uomo meraviglioso ed amabile ha permesso di toccare nelle diverse sue forme parti di ciascuna di noi tanto simili da creare un pensiero comune. Grata a questo gruppo. Grazie Ale Sandra per aver narrato anche i miei pensieri ❣️

    Piace a 1 persona

  3. Grazie AleSandra❤️mi sono ritrovata fra le “matte” che iniziata la magnifica avventura con Ömer, si sono inoltrate poi nel magico mondo di Engin ed i suoi personaggi che tu così ben descrivi!! Hai ragione: pazzesca la sua capacità di immedesimarsi negli stessi e lodevole la sua capacità di mettersi in gioco! Come non rimanerne incantate!!!

    Piace a 1 persona

  4. Grazie AleSandra ❤️mi sono ritrovata fra le “matte” che iniziata la magnifica avventura con Ömer, si sono inoltrate poi nel magico mondo di Engin ed i suoi personaggi che tu così ben descrivi!! Hai ragione: pazzesca la sua capacità di immedesimarsi negli stessi e lodevole la sua capacità di mettersi in gioco! Come non rimanerne incantate!!!

    Piace a 1 persona

  5. Grazie AleSandra ❤️mi sono ritrovata fra le “matte” che iniziata la magnifica avventura con Ömer, si sono inoltrate poi nel magico mondo di Engin ed i suoi personaggi che tu così ben descrivi!! Hai ragione: pazzesca la sua capacità di immedesimarsi negli stessi e lodevole la sua capacità di mettersi in gioco! Come non rimanerne incantate!!!

    Piace a 1 persona

  6. Bravissima Ale mi ritrovo in pieno nella tua descrizione di ‘ matte’ e nelle tue osservazioni di EnginAkyürek come attore ,il suo è un trasformismo senza troppi trucchi se non in calarsi nel personaggio e diventare il personaggio con una tale naturalezza che ‘sembra’ non esserci sforzo. Un acrobata della recitazione che cade in piedi sorridendo 😜
    P.s. sono stata un sacco di tempo a giocare con le freccette 🤣🤣🤣

    Piace a 1 persona

  7. Descrizione perfetta di questo Grande Attore perché il talento e la bravura di Engin Akyürek sono un dato di fatto Posso solo complimentarmi per aver scritto così bene il pensiero che è anche il pensiero di tutte noi ♥️

    Piace a 2 people

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: