Sancar Efe, Nasce la leggenda

Amore e perdita sono parole con solo poche lettere ciascuna. Eppure, l’impatto di queste parole può creare un abisso incolmabile spaventoso come nel caso di Sancar e Nare. Due bellissimi bambini ignari di ciò che la vita riserva loro o di quanto doloroso sarà il loro futuro; fare amicizia su una costa sabbiosa dove le acque azzurrine del mare lambiscono delicatamente la terra. Per loro tutto ciò che conta è lo strano legame quasi surreale che li lega dall’istante in cui si sono guardati. Una fata eterea e un ragazzo oscuro che sorge dal mare forgia un amore che diventa monumentale col passare degli anni. Ma ciò che spesso trascuriamo è che della loro relazione di quasi vent’anni, alla fine hanno trascorso insieme meno di un anno fisicamente.

Sancar e Nare si incontrarono per dodici giorni l’anno fino a quando lei compie diciotto anni. Dopo il loro matrimonio, è scomparsa per nove anni ed è tornata con una bambina che ha affermato essere sua figlia. La misteriosa separazione non ha solo reciso la loro relazione, ma ha anche suscitato rabbia in entrambi i partner. Nare ha giurato di non perdonare mai Sancar per averla abbandonata mentre quest’ultimo giura di non chiamarla mai per nome per l’ apparente tradimento del suo amore. Eppure, anche quando ribollono di rabbia nessuno può negare i sentimenti appassionati che provano l’uno per l’altro. Come uno scrapbook sfogliato a caso, gli eventi passati iniziano a essere drammatizzati in flashback dolorosamente acuti. Una Narê distrutta fisicamente fa una lenta ripresa dolorosa dopo aver dato alla luce una bambina in un centro di riabilitazione svizzero per pazienti psichiatrici. La caduta ha causato un trauma cranico che colpisce la memoria di Narê, il che spiega la necessità di mantenere il diario. Nel frattempo, un distrutto Sancar lavora instancabilmente per oltre un anno per guadagnare denaro per un biglietto e un passaporto per recarsi in Montenegro, dove viene inviato il padre di Nare.

Il suo titubante e sussurrato “Nare” alla porta della casa di suo padre è sintomatico della sua paura di ciò che troverà e di come affronterà la sua amata. Una ricerca frenetica rivela che non è lì mentre un diabolicamente astuto Akin rivela che Nare vive in Svizzera con un ricco turco. Dando a Nare il beneficio del dubbio questa volta, Sancar è devastato nell’apprendere che la storia sembra vera quando sente la voce di Nare che chiama amore un altro uomo, o almeno così sembra. Questo è il momento della verità per Sancar e la svolta nella sua vita in cui le ultime vestigia della sua dignità vengono spazzate via dal tentativo dell’ambasciatore di corromperlo. I poveri mancano senza dubbio di denaro, ma compensano la mancanza di ricchezza con una quantità eccessiva di orgoglio e dignità. Çelebi commette un errore fatale nell’offrire denaro a Sancar. Quel fatidico giorno Sancar decide di diventare ricco e lo fa. Ma prima di seguire questa traccia, dobbiamo esaminare l’aspetto emotivo sia di Sancar che di Nare per capire perché il loro è un legame che sopravvive a sconvolgimenti così monumentali.

Forse la risposta sta nel fatto che nonostante un’invidiabile vita di privilegio unita a un’eccellente educazione e una sofisticata esposizione alle capitali del mondo; Nare è rimasta una bambina sola e non amata dopo la morte di sua madre. Per qualche ragione indecifrabile, (l’ennesimo mistero!) Güven Çelebi non tende mai la mano alla sua unica figlia. Questa è una ferita che non ha mai guarito per Nare e la sua appassionata richiesta di essere una foglia senza albero, soffiata in tutte le direzioni dal vento leggero, non essere mai radicata da nessuna parte spezza il cuore mentre cerca di dissuadere Sancar dall’uccidere Akin in una delle scene più belle della serie. Il cuore di questa figlia ha desiderato ardentemente gettare l’ancora da qualche parte o con qualcuno che l’avrebbe amata incondizionatamente, facendola sentire al sicuro e curata.

Il tenero abbraccio istintivo di Sancar alla lacrimosa Nare e tenerla stretta come un prezioso possesso è sintomatico del paradiso che brama. Nella persona forte e robusta di Sancar aveva creduto davvero di aver trovato il suo santuario, solo per essere tragicamente delusa. Da parte sua, Sancar ha avuto difficoltà a credere che la vita sarebbe mai stata così gentile da regalargli un’anima gemella adorabile e disponibile come la figlia dell’ambasciatore. La vita non era mai stata facile per lui e non la considera nient’altro che un miracolo che tra la sporcizia e la quotidianità di una vita di lavoro manuale alternata a una scuola del villaggio, avrebbe scoperto un faro angelico di luce che gli avrebbe toccato il cuore con un luce quasi celeste. Ogni sua successiva azione nei confronti di Nare è dettata da un’inimmaginabile tenerezza, dal conservare le sue cartoline, i suoi disegni e le sue lettere su un mondo di cui non può mai sperare di far parte; a sognare di poter comprare Gece e acquisire la villa Isikli per far vivere Nare da sposa.

Purtroppo, il ragazzo è ridicolizzato per essere uno “sposo scalzo”; e il giovane viene snobbato crudelmente per essere troppo povero per comprare il suo cavallo preferito. E così sia Sancar che Nare imparano a vivere con il loro dolore proteggendo l’amato dal loro stesso dolore. Tali dure lezioni di vita sono destinate a provocare un indurimento del cuore e per sopravvivere, Sancar ricade sulla sua educazione tradizionale e sul suo senso morale che rinforza un codice etico costruito sulle rigide restrizioni del giusto e dell’errore, bianco o nero. Senza spazio per i grigi intermedi, la sua bussola morale non accetta circostanze attenuanti in nessuna situazione.

Abbiamo già visto la sua possessività nei confronti di Nare, di cui gode come qualsiasi ragazza innamorata; prendendolo in giro per il suo amico giapponese “dagli occhi obliqui” o per i suoi compagni di classe norvegesi “biondi”. Ma anche in quegli innocenti momenti di risate condivise, sentiamo una sorta di palpabile disagio per le reazioni di Sancar mentre si rifiuta di inginocchiarsi per proporre matrimonio alla sua amata; confessando con orgoglio che l’unica volta in cui si inginocchia è quando balla lo Zeybek.

Parte del problema di Sancar è che tratta Nare come se fosse meno carne e sangue e più una bambola di porcellana inestimabile che si spezzerebbe se maneggiata in modo approssimativo. In parte a causa della sua etica e in parte a causa del piedistallo su cui la pone; si astiene da qualsiasi intimità fisica tra loro, riservando tutto per il momento in cui la sposa. Questo tipo di autocontrollo in un giovane follemente innamorato è di per sé un’anomalia. Non che Nare non apprezzi la sua moderazione poiché crea tra loro un’aria di inattaccabile fiducia; ma allo stesso tempo, comporta l’imposizione di aspettative incredibilmente alte di felicità. Tale fedeltà non consente neppure la minima deviazione dalle rigide regole della lealtà reciproca attesa.Di conseguenza, qualsiasi trasgressione percepita o reale da parte di entrambi i partner, sarebbe vista come un “tradimento” – quindi inaccettabile.

Abbiamo visto il modo in cui Sancar ha spinto una piangente Nare fuori dalla camera del letto nuziale, una capanna di legno e stagno che in passato era servito come rifugio dell’Efeoğlu durante la stagione della raccolta delle olive. Poco dopo chiude la porta sull’amore della sua vita, Nare si lancia dalla scogliera a strapiombo sulla piccola capanna. Mentre sfreccia silenziosamente lungo la ripida caduta, il suo vestito bianco si gonfia con il vento, allargandosi come un paio di ali (non diversamente dalle “ali” della conchiglia con cui Sancar le regala).

Per puro caso o per fortuna, Kavruk sdraiato su una collina vicina che sogna sotto un cielo stellato, interpreta la vista inquietante della figura vestita di bianco che cade mentre lo schiocco di un uccello crepuscolare che scompare dalla vista dietro le cime degli alberi ai piedi delle falesie illuminate dalla luna. Ci si aspetterebbe che qualcuno trovasse il corpo fracassato di Nare mentre la notizia della sua “morte” si diffonde come un incendio. Ma misteriosamente non c’è nessun corpo e nessuna traccia di Nare che dà credito alla canzone che Kavruk compone in memoria della figlia dell’ambasciatore che amava Sancar Efe. Chi ha raccolto il corpo rotto di Nare e l’ha trasportata in un ospedale specializzato in Svizzera? Akin era sul posto e seguiva Nare anche mentre era fuggita in Turchia dopo averla molestata? Stava aspettando vicino alla piccola capanna per assistere all’esito dei piani di matrimonio di Nare?

..Questo è il tipo di mistero che è la materia leggendaria che Gediz condivide con la bellissima sconosciuta che incontra durante il volo per Milas.

….to be continued

Leggi la traduzione delle altre analisi di Sefirin Kizi del personaggio di Sancar Efe scritte dalla scrittrice pakistana Navid Shahzad.: https://machenesaengin.com/category/le-analisi-di-navid-shahzad/

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: