Analisi della serie Adım Farah della scrittrice Navid Shahzad

Al centro della serie Adım Farah prodotta da Medya 3 e attualmente in onda su Fox TV Türkiye ogni mercoledì c’è la famosa parabola del lupo e dell’agnello amplificata da molteplici riferimenti all’immaginario animale. Il lupo è una creatura familiare per quanto riguarda i turchi poiché, secondo l’antico mito tengrista (religione sciamanica praticata in Asia centrale ndr) associato alle loro origini etniche nelle steppe dell’Asia centrale, si pensa che i primi turchi fossero discendenti di una lupa dalla criniera blu chiamata Asena. Il lupo è un animale complesso, molto intelligente, dedito alla famiglia, premuroso e protettivo nei confronti dei piccoli. Türkiye associa anche l’animale all’onore, il che spiega l’onorifico “lupo grigio” conferito ad Atatürk con riferimento alla sua vittoria strategica contro le forze alleate occupanti.

Il lupo nella serie TV Adım Farah, tuttavia, è chiaramente di un tipo diverso e più simile al mostruoso lupo chiamato Fenrir nella mitologia norrena (si intendono i miti della religione pre-cristiana dei popoli germanici della Scandinavia ndr). Generato dal dio demoniaco Loki e da una gigantessa, la creatura è temuta per la sua forza e ci si poteva aspettare solo il male. Sapendo ciò, gli dèi legano la feroce creatura malvagia con una catena magica composta dal suono dei passi di un gatto, dalla barba di una donna, dal respiro di un pesce e da altri elementi occulti. Fenrir figura in modo prominente nella poesia norvegese e islandese del X e XI secolo e i poeti parlano con apprensione del giorno in cui si scatenerà. Gli spettatori di Adım Farah non devono sforzare la loro immaginazione poiché Ali Galip Akıncı è chiaramente il segugio infernale che tutta l’umanità deve temere.

Nelle terre selvagge del mondo naturale, i branchi di lupi sono guidati da un maschio alfa e da una femmina, con un lupo beta quale secondo vicino alla coppia, che in alcuni casi può essere la loro prole. La funzione più importante che svolge il lupo beta è difendere la coppia da qualsiasi minaccia, anche mettendo a rischio la propria vita. Grazie a questo stretto legame, il lupo beta è a conoscenza di informazioni riservate sul branco, come la posizione della preda, i migliori terreni di caccia e qualsiasi cambiamento nelle dinamiche del branco. Questa gerarchia naturale è seguita quasi alla lettera nella rappresentazione della famiglia Akıncı, poiché Tahir Lekesiz interpreta il ruolo che ci si aspetta dal maschio beta. Dopo aver scontato quattro dei sei anni di pena per omicidio in un penitenziario minorile, Tahir viene portato a casa e cresciuto come un membro della famiglia, dove la moglie di Ali Galip, Vera, è l’unica persona che tratta il ragazzo problematico e introverso con simpatia e una certa dose di amore. Akıncı, tuttavia, ha altri piani. Proteggendo e mantenendo il figlio naturale lontano dagli affari nefasti della malavita e percependo il potenziale di Tahir, Akıncı addestra l’orfano a diventare il suo braccio destro e luogotenente. Che abbia trovato opportuno farlo, viene portato all’attenzione dello spettatore nella scena avvincente tra il lupo alfa e il lupo beta mentre Akıncı sfrutta spietatamente il passato di Tahir.

L’agnello, d’altra parte, è un simbolo di purezza e innocenza anche se è l’animale più associato a Gesù, come testimoniano le numerose e molteplici opere d’arte che lo rappresentano con l’animale. Nell’Islam, l’agnello simboleggia il quasi sacrificio di suo figlio da parte di Abramo in obbedienza al comando di Allah; mentre nell’arte secolare un agnello può rappresentare una natura gentile e l’infanzia. Il mondo così come esiste nella serie, tuttavia, è senza Dio e fonda la sua narrazione sulla parabola del lupo come predatore; presentando un ritratto brutale di come gli umani possono superare in crudeltà anche l’animale più famelico. Come sappiamo, la maggior parte dei lupi caccia in branco, ma nelle rare occasioni in cui un cacciatore incontra un solitario affamato, pochi animali possono eguagliare la sua ferocia. Ironia della sorte, gli animali cacciano in gran parte quando hanno fame o uccidono quando si sentono minacciati, diversamente dagli umani. L’uomo caccia per sport, mentre la brama di potere, denaro e autorità indiscussa sono i motivi per cui gli uomini lottano; e se dare la caccia a qualsiasi minaccia percepita o reale significa sacrificare i deboli e i vulnerabili, non solo è accettabile ma è un imperativo.

I primi quattro episodi di Adım Farah, in particolare, utilizzano ampie immagini di animali per gettare le basi di una storia ambientata nel ventre di Istanbul, in cui il pericolo e la morte sembrano in agguato dietro ogni angolo. Tematicamente, ci sono diversi archi nella narrazione che si intrecciano in una rete di relazioni umane. Il primo di questi richiama l’attenzione su uno dei temi più attuali nel mondo di oggi, ovvero il problema del rifugiato. Al contrario dell’emigrato, il cercatore di rifugio che fugge dai conflitti e dall’ingiustizia in patria o che desidera solo disperatamente sopravvivere è il più debole di tutti i segmenti della società. Le donne in particolare.

Il secondo e più spaventoso arco è quello della violenza personificata da una spietata mafia guidata dal temibile Ali Galip Akıncı interpretato dall’attore veterano Mustafa Avkıran. Come nel ciclo naturale della vita, ogni volta che un capobranco anziano e ferito inizia a fiutare la sfida rappresentata da un cucciolo più giovane, si muove rapidamente e spietatamente per eliminarlo. L’unica legge che la mafia pratica è quella della giungla e l’imperativo di “uccidere o essere ucciso” viene applicato indiscriminatamente. La mafia è un mostro a tre teste poiché valorizza solo la famiglia, la lealtà e l’obbedienza indiscussa con l’esclusione della misericordia, della pietà o della compassione. Il codice di comportamento non scritto, quasi scolpito nella pietra, viene imposto attraverso una ferocia non trascritta che è tanto spietata quanto immediata. Il più spietato dei maestri.

Ciò non significa che la serie non offra tregua dal pericolo, fornendo un contrasto binario con il tema dell’isolamento umano. Tutti i personaggi della serie, dai protagonisti principali a quelli minori, sono ritratti come solitari come se fossero protetti dalla vita stessa e incapaci di uscire dai loro gusci invisibili fatti da sé. L’unica eccezione è quella del bellissimo ragazzino di nome Kerimşah che è costretto a vivere in isolamento fisico a causa delle sue precarie condizioni di salute.

Scritta dal trio di Cenk Boğatur, Cem Görgeç e Deniz Dargi,  una delle sceneggiature più intelligenti degli ultimi anni assicura che ogni personaggio sia completamente ‘arricchito’, cioè abbia un passato credibile o ‘retro-storia’ come piace chiamarla agli attori. Cominciamo quindi con le tre famiglie che ci presenta la serie: c’è la famiglia monoparentale della povera Farah; la ricca famiglia Akıncı con le sue tensioni di fondo con una madre che cerca di impedire a suo figlio di diventare come il padre; mentre la terza famiglia è quella di Orhan Koşaner, poliziotto in pensione.
Il modo, ad esempio, in cui sono state ritratte tutte e tre le madri merita di essere menzionato in quanto vede anche le donne attraverso lo spettro delle diverse nazionalità. La Farah iraniana è la tigre che non ha paura di tutto ciò che la vita le riserva finché può proteggere il suo cucciolo. La russa Vera, sposata con un capo della mafia, è una donna profondamente preoccupata e tesa per  il fatto agghiacciante che il suo unico figlio potrebbe essere un assassino. La madre turca Perihan, è di lingua tagliente e tanto rapida all’ira quanto insicura, poiché sospetta che suo marito abbia ancora una relazione con Vera.
Ognuna delle tre donne ha un solo figlio, le cui vite diventano interconnesse nei modi più imprevisti. La figlia di Perihan, Gönül, che fa da babysitter per Farah, fa amicizia con un Kaan emotivamente distrutto dopo aver ucciso un poliziotto a sangue freddo.  Mentre Kaan, interpretato in modo credibile da un bel Oktay Çubuk è il tipico giovane erede viziato con un temperamento incontrollabile indotto dalla droga, Il fragile figlio di sei anni di Farah, Kerimşah, è un bellissimo bambino vivace e dagli occhi spalancati che desidera ardentemente la normalità mentre lo vediamo contare tutte le cose che spera di fare quando starà di nuovo bene. Tirando le corde del nostro cuore, mentre elenca la sua lista dei desideri con giocare a calcio, mangiare un gelato e andare al parco come priorità assolute, Rastin Paknahad ritrae il ragazzino malato che aspetta un donatore con fascino e credibilità squisiti, dimostrando ancora una volta che Türkiye ha alcuni dei migliori attori bambini sullo schermo. Il merito di ciò va condiviso con gli insegnanti di recitazione che lavorano instancabilmente dietro le quinte con i giovani attori assicurandosi che le loro interpretazioni corrispondano a quelle degli attori adulti.

Continua…….

fonte: https://www.enginakyurekunitingheartsworldwide.org/

Print Friendly, PDF & Email

Ros

Giornalista freelance, ghostwriter, content editor, sommelier, mi occupo di uffici stampa e comunicazione. Scrivo, leggo, ascolto musica, divoro film e serie tv. Soprattutto turche. Soprattutto con Engin Akyürek. Il mio sogno? Intervistarlo

Potrebbero interessarti.....

%d